Unicredit Investimenti

I fattori di mercato quali livello del sottostante, volatilità attesa, tempo residuo alla scadenza, rendimento del sottostante e tassi di interesse rappresentano gli input necessari a calcolare il valore teorico di un covered warrant tramite il modello di calcolo prescelto. Fra i risultati generati dal modello ci sono anche una serie di indicatori che misurano la sensibilità del prezzo del covered warrant a ciascuna variabile, detti in gergo finanziario anche "greche" (greeks), per il fatto che vengono individuati da lettere greche.
I più importanti fra questi indicatori sono Delta, Gamma, Vega e Theta e vengono utilizzati dagli operatori per valutare i rischi di possibili perdite. Poiché è molto complicato effettuare un’analisi su probabili evoluzioni nel prezzo di un covered warrant, in cui si consideri la contemporanea variazione di tutti i fattori di mercato, si procede generalmente analizzando l’effetto provocato da cambiamenti in uno dei fattori, mantenendo costanti tutti gli altri.
Questo modo di procedere comporta notevoli semplificazioni della realtà e può essere paragonato ad una fotografia che rappresenta istantaneamente una situazione, mentre il mondo dei covered warrant è più simile ad un film in cui si inseriscono continui colpi di scena.
Nonostante questi limiti, le greche rappresentano un buon termometro dei rischi associati ai covered warrant e possono aiutare nella scelta del covered warrant che più si addice alle proprie aspettative di mercato, tenuto conto di tutti i parametri necessari. Il modo migliore per analizzare contemporaneamente tutte le greche è il Calcolatore CW.


Delta

Il Delta riflette la sensibilità del prezzo di un covered warrant a variazioni del sottostante. Esso misura la variazione attesa del prezzo del covered warrant per effetto di una variazione minima ed istantanea del prezzo del sottostante mantenendo costanti tutti gli altri fattori di mercato. Il Delta non è una costante e varia in conseguenza dei cambiamenti subiti dalle altre componenti di mercato. Generalmente il Delta viene espresso in termini percentuali. La relazione fra prezzo del sottostante e prezzo del covered warrant è di tipo diretto per i call, cioè se aumenta il primo aumenta anche il secondo (Delta maggiore di zero); mentre è di tipo inverso per i put (Delta minore di zero). In termini assoluti il Delta tende a zero per i covered warrant out-of-the-money, mentre tende a 100% per i covered warrant in-the-money.




La somma dei valori assoluti del Delta di un covered warrant call e di un covered warrant put con stessa scadenza e stesso strike è sempre pari a 100%.
In prossimità della scadenza, il Delta assume un valore di 100% per i covered warrant in-the-money, 50% per i covered warrant at-the-money e di zero per i covered warrant out-of-the-money.





Questo grafico mostra come, con l’approssimarsi della scadenza, i covered warrant in-the-money siano più sensibili alle variazioni del sottostante dei covered warrant out-of-the-money.
Il Delta può essere calcolato come l’inclinazione della tangente alla curva, rappresentante il valore del covered warrant in funzione del prezzo del sottostante in un dato punto.
Il grafico seguente mostra il prezzo di un covered warrant call in funzione di diversi valori del sottostante; la tangente in ogni punto della curva ha inclinazione positiva (Delta maggiore di zero).





Si può verificare come l’inclinazione della tangente cambi continuamente lungo la curva che raffigura il prezzo di un covered warrant. Per i covered warrant put, invece, l’inclinazione della tangente in ogni punto della curva è negative (Delta minore di zero).




Il Delta può essere anche definito come una misura della probabilità che un covered warrant scada in-the-money o, ancora, come la quantità di sottostante necessaria a replicare un’analoga esposizione sull’andamento dello stesso.
In quanto misura della probabilità per il covered warrant di scadere in-the-money, dire che un covered warrant ha un Delta di 75% è come dire che il covered warrant ha il 75% di probabilità di scadere in-the-money, cioè che ha buone probabilità di scadere avendo un valore intrinseco positivo. I covered warrant at-the-money hanno invece un Delta di circa il 50%, hanno cioè uguali probabilità di scadere in o out-of-the-money.
Come misura dell’esposizione sul sottostante, acquistare un covered warrant call con Delta 50% sull’azione A equivale ad acquistare 0,5 azioni A, viceversa acquistare un covered warrant put con Delta – 50% equivale a vendere 0,5 azioni A.

Gamma
E’ stato sottolineato che il Delta di un covered warrant assume valori diversi al variare del sottostante. Il Gamma è l’indicatore che quantifica di quanto si modifica il Delta per effetto di una variazione minima ed istantanea del sottostante. Ad esempio se un covered warrant call legato all’azione A, il cui prezzo di mercato è EUR 60, ha Delta 60% ed un Gamma (1%) di 4%, il Delta passerà a 64% o 56% a seconda che il sottostante aumenti o diminuisca di un punto percentuale. Anche il Gamma, come il Delta, non è una costante e si modifica in base alla combinazione degli altri fattori di mercato quali, ad esempio il trascorrere del tempo. Il Gamma di un covered warrant è massimo per i covered warrant at-the-money mentre decresce per i covered warrant in e out-of-the-money.



Vega
Il Vega misura la sensibilità del prezzo di un covered warrant rispetto a variazioni della volatilità attesa. Il Vega è generalmente espresso in termini percentuali. Ad esempio, dire che un covered warrant ha un Vega (1%) di 2% significa dire che a seguito di una variazione della volatilità attesa dal mercato di 1% si assiste ad un incremento/decremento pari al 2% nel valore del covered warrant. L’incremento si ha se la volatilità attesa dal mercato aumenta, il valore del covered warrant invece diminuisce se anche la volatilità attesa diminuisce.
Inoltre è opportuno ricordare che la sensibilità alle variazioni della volatilità attesa è maggiore per i covered warrant out-of-the-money.

Theta
Il Theta è l’indicatore che misura la sensibilità del covered warrant al trascorrere del tempo. Per questo indicatore non esiste un’unità di misura temporale assoluta, generalmente viene espressa in termini giornalieri. Ad esempio il Theta a 7 giorni indica la variazione del prezzo del covered warrant dovuta al trascorrere di una settimana, a valori immutati di tutti gli altri parametri. All’approssimarsi della scadenza un covered warrant perde di valore perché diminuiscono le probabilità di esercizio, o di un esercizio a condizioni più favorevoli. È la componente “valore del tempo” a subire un decremento.
Questo fenomeno viene indicato anche con il nome “effetto theta” o time decay.
Il grafico in basso mostra come la perdita di valore non sia costante, ma subisca un’accelerazione in prossimità della scadenza.


Unicredit Unicredit
Sono marchi registrati UniCredit S.P.A.
©2014 UniCredit Bank Milan Branch - P. Iva 09144100154 All rights reserved