Unicredit Investimenti

I vantaggi

Quali sono i vantaggi dei Benchmark UniCredit?

Diversificazione

Ogni investimento ha un certo livello di rischio. Nel decidere i propri investimenti bisogna sempre valutare sia il rendimento che ci si aspetta, sia il livello di rischio a cui potenzialmente ci si espone.

L’investimento in un singolo titolo espone a due tipi di rischi: quello sistemico legato all’andamento del mercato nel suo complesso, e quello non sistemico, legato all’andamento peculiare del titolo. Investendo in un insieme persificato di titoli è possibile ridurre l’esposizione ai rischi non sistemici, perché il movimento di prezzo di uno o più titoli presenti nel portafoglio può essere controbilanciato dalla stabilità o dal movimento nella direzione contraria del prezzo di altri titoli. L'investimento in un Benchmark equivale ad investire in un paniere di azioni ben diversificato, se il sottostante è un indice di borsa, o ad aggiungere al portafoglio un nuovo tipo di indicizzazione, se il sottostante è una materia prima.

Convenienza

Immagina di voler replicare l’indice tramite l’acquisto dei titoli o acquistare direttamente una materia prima, in tal caso dovresti considerare costi di transazione elevati ed un investimento minimo significativo, come nell'esempio di seguito riportato. Prendiamo in considerazione l’Area Euro. L’indice di mercato più rappresentativo del comparto azionario è l'indice EUROSTOXX50.

Nella tabella sono indicati i 50 titoli che compongono l'indice e il rispettivo numero di azioni nell’indice, rilevati ad una certa data. 

Ne risulta che, per riprodurre fedelmente l’indice EUROSTOXX50, alle condizioni riportate in tabella, sarebbe necessario investire su tutte le azioni. Il Benchmark, al contrario, consente di controllare frazioni di azioni con un investimento estremamente più contenuto: nell'esempio sarebbero sufficienti una sola operazione.

Semplicità

Avere tutte le azioni o meterie prime racchiuse in un unico titolo rende l'investimento semplice, oltre che conveniente. Inoltre, i Benchmark su indici esteri o su materie prime ti permettono di investire in mercati altrimenti difficilmente accessibili.

Puoi investire durante gli orari di apertura del mercato italiano anche se il mercato di riferimento non è operativo per motivi di fuso orario (ad esempio è possibile operare sui mercati giapponese ed americano pur essendo il mercato di riferimento chiuso).

L'operazione viene regolata in Euro anche se il mercato di riferimento è un mercato "non-Euro"; ad esempio il mercato azionario americano o il mercato azionario giapponese. Questo non comporta un'eliminazione del rischio di cambio, ma solo una riduzione dei costi di negoziazione. Per operare sul mercato azionario americano, oltre alla commissione di intermediazione, dovresti sostenere il costo di una commissione valutaria.

Alcuni Benchmark, che seguono la performance di un sottostante quotato in una valuta persa dall'Euro, possono presentare l'opzione "Quanto". Per questi Benchmark il valore dell'attività sottostante è convenzionalmente indicato in Euro cosicchè il rischio di cambio è completamente eliminato.

Quotazione in Borsa

I Benchmark possono essere quotati presso il mercato SeDeX di Borsa Italiana, segmento investment certificates, dalle 9.05 alle 17.30 o sul CERT-X di EuroTLX. La quotazione assicura un elevato grado di trasparenza sulla formazione dei prezzi e un più facile accesso a questo tipo di investimento. UniCredit Bank in qualità di market maker per i Benchmark UniCredit espone costantemente prezzi denaro-lettera. I Benchmark si acquistano direttamente sul mercato.

Lotti minimi ridotti

L'investimento minimo richiesto per l'acquisto di un Benchmark è contenuto. Il taglio minimo è rappresentato da 10 o 100 Benchmark il cui controvalore è generalmente inferiore a EUR 500.