Unicredit Investimenti

Come funzionano

Gli elementi standard sono le caratteristiche associate a ciascun Benchmark UniCredit durante tutta la sua vita, che ti permettono di identificare ciascuno strumento in maniera univoca.
Emittente
Indica l'istituzione finanziaria che emette i Benchmark e garantisce la liquidazione del valore di rimborso alla scadenza. L'emittente dei Benchmark deve rispettare determinati vincoli di solidità patrimoniale e deve assicurare agli strumenti emessi elevata liquidità sul mercato; adempie quest'ultimo obbligo svolgendo o delegando ad un altro soggetto, generalmente appartenente allo stesso gruppo bancario, l'attività di market maker. Il market maker assicura la liquidità sul mercato esponendo in via continuativa prezzi denaro e prezzi lettera per tutti i Benchmark dell'emittente durante l'orario di negoziazione. Il market maker per tutti i Benchmark emessi da UniCredit è UniCredit Bank.
Sottostante
Sono disponibili Benchmak UniCredit sui principali indici di Borsa europei ed internazionali, sui mercati emergenti e sulle materie prime come l'oro, l'argento o il petrolio ma anche indici di strategie.
Multiplo
Ad ogni Benchmark è assegnato un multiplo, che indica la quantità di sottostante controllata da ciascun Benchmark. Il multiplo viene fissato all’emissione.
Lotto minimo
Indica il numero minimo di Benchmark che possono essere negoziati.
Scadenza ed esercizio
La data di scadenza indica l’ultimo giorno di validità dei Benchmark. Tutti i Benchmark sono automaticamente rimborsati alla scadenza. Tutti i Benchmark UniCredit sono negoziati e rimborsati alla scadenza in Euro.
I Benchmark Open end non hanno una data di scadenza, ma è prevista la possibilità per l’investitore che non vuole vendere i certificates direttamente sul mercato, di esercitare il proprio diritto di rimborso.


Alla scadenza o alla data di esercizio nel caso dei Benchmark Open End il valore di rimborso del Benchmark è pari al livello dell’indice sottostante osservato direttamente sul mercato in quel momento, moltiplicato per il multiplo.
Valore di rimborso = Valore di riferimento dell’indice x multiplo / EUR/FX.

Il valore di riferimento utilizzato per calcolare il valore di rimborso è in genere un valore ufficiale pubblicato dal mercato di riferimento del sottostante; EUR/FX è il tasso di cambio utilizzato per la conversione in Euro, se necessario, e viene calcolato sulla base dei Fixing ufficiali pubblicati dalla Banca Centrale Europea il giorno di scadenza.

A parità di tutte le altre condizioni, nel caso degli indici rappresentativi di mercati non Euro, un apprezzamento della divisa estera comporta un aumento del prezzo del Benchmark o del suo valore di rimborso. E' il caso ad esempio dei Benchmark sull'indice DOW JONES il cui prezzo è esposto all'andamento del tasso di cambio EUR/USD e che beneficia quindi di un eventuale rafforzamento del Dollaro americano nei confronti dell’Euro.



I Benchmark UniCredit di tipo Quanto si differenziano dagli altri Benchmark UniCreditper il fatto cheessi non subiscono infatti l'influenza del tasso di cambio. Prendiamo per esempio in considerazione i Benchmark UniCredit su oro o su argento: il valore del sottostante, espresso in dollari americani, è convertito convenzionalmente in Euro in base al principio 1 dollaro = 1 euro.
Il valore di rimborso dei Benchmark UniCredit di tipo Quanto è dunque determinato sulla base del valore di riferimento del sottostante moltiplicato per il multiplo.
Per i certificati Quanto Open End, il costo della protezione quanto é pubblicatto sul sito investimenti.unicredit.it.

L’importo di rimborso in Euro viene automaticamente riconosciuto al portatore del certificates dall’emittente.


Investire nei Benchmark UniCredit equivale ad investire nel paniere di azioni che compone l’indice azionario sottostante o nella materia prima di riferimento: non solo l’importo riconosciuto alla scadenza, ma anche l’andamento del prezzo del Benchmark è perfettamente in linea con quello dell’indice di riferimento.
Puoi acquistare i Benchmark UniCredit facilmente sul mercato SeDeX, al prezzo di quotazione corrispondente al valore del sottostante in quel momento. Monitorare la performance dei Benchmark UniCredit durante la vita dello strumento e fino alla scadenza è semplice: basta controllare il valore di mercato del sottostante.

Benchmark UniCredit su indici azionari
Se l'indice sottostante è un indice di performance (come l'indice DAX) il prezzo teorico del Benchmark può essere facilmente determinato come:

Prezzo teorico = Livello dell’indice x multiplo / EUR/FX.

Se l’indice sottostante è un indice di prezzo (come l’FTSE/MIB, l’EUROSTOXX50, il CAC40, il FTSE100, il DOW JONES, l'S&P500, il NASDAQ100, l’HANG SENG e il NIKKEI225) il prezzo teorico del Benchmark è inferiore al livello dell’indice sottostante poiché sconta il flusso di dividendi attesi sulle azioni componenti l’indice fino alla data di scadenza del Benchmark stesso.

Benchmark UniCredit di tipo Quanto
Il prezzo di mercato dei Benchmark UniCredit di tipo Quanto si formula sulla base del valore del sottostante di riferimento e del multiplo. Il prezzo del Benchmark incorpora inoltre un costo marginale per la modalità di quotazione "Quanto". Tale costo è determinato dal differenziale tra i tassi d'interesse dell'Area Euro e dell'area di riferimento della valuta dell'indice o della materia prima sottostante, e in misura residuale, dalla correlazione tra l'indice o la materia prima e il tasso di cambio.

Infine è importante tenere presente che più lontana è la data di scadenza del certificates, maggiore sarà il costo di attualizzazione.


Benchmark UniCredit su future.
Il prezzo di mercato dei Benchmark UniCredit su contratti futures si formula sulla base del valore di mercato del contratto future di riferimento (ad esempio il contratto future sul petrolio WTI), del multiplo e del tasso di cambio. Inoltre, il prezzo del contratto future viene attualizzato ai tassi di interesse correnti dai certificates, che quindi incorporano uno sconto rispetto alla quotazione del sottostante.
Indice “Total Return”/“Price”
Gli indici possono essere di due tipologie: Price e Total Return, espressione che assume significati leggermente diversi a seconda che si tratti di indici di future di materie prime o azionari. Gli indici di future di materie prime Total Return, a differenza degli indici Price, hanno la particolarità di capitalizzare i rendimenti derivanti dal capitale reinvestito, mentre per gli indici azionari la dicitura Total Return implica che i dividendi, rivenienti dalle azioni componenti l’indice, vengano reinvestiti nell’indice stesso, cosa che non accade nel caso di indici azionari Price.


Esempio 1 Consideriamo un Benchmark sull’indice FTSE/MIB, con multiplo 0,0001, durata 2 anni e dividendi attesi entro la scadenza pari a 3.072 punti indice quando l’indice quota a 31.775 punti indice.
Ipotizzando ad esempio un differenziale denaro/lettera costante pari a EUR 0,01, il Benchmark avrà un prezzo denaro teorico pari a EUR 2,8653 e un prezzo lettera teorico pari a EUR 2,8753.


A parità di condizioni, se l’FTSE/MIB si muove al rialzo o al ribasso il Benchmark replica esattamente lo stesso movimento. Ad esempio se l’FTSE/MIB quota a 32.093 punti indice, il Benchmark avrà un prezzo denaro teorico pari a EUR 2,8971 e un prezzo lettera teorico pari a EUR 2,9071.
Alla scadenza, il valore di rimborso del Benchmark è perfettamente allineato con il valore dell’indice sottostante. Se l’FTSE/MIB alla data di scadenza quota a 32.500 punti indice, il portatore riceverà per ogni Benchmark detenuto una somma pari a EUR 3,25.

Esempio 2
Consideriamo un Benchmark sull’indice NIKKEI225, con multiplo 0,001, durata 2 anni, dividendi attesi pari a 211,8 punti indice (circa 0,964% per ogni anno di vita residua) e tasso di cambio EUR/JPY pari a 136,13 con l’indice che quota a 10.996,58 punti indice.
Ipotizzando ad esempio un differenziale denaro/lettera costante pari a EUR 0,001, il Benchmark avrà un prezzo denaro teorico pari a EUR 0,0787 e un prezzo lettera teorico pari a EUR 0,0797.

A parità di condizioni, incluso il tasso di cambio, se il NIKKEI225 si muove al rialzo o al ribasso, il Benchmark replica esattamente lo stesso movimento. Ad esempio se il NIKKEI225 quota a 11.500 punti indice, il Benchmark avrà un prezzo denaro teorico pari a EUR 0,0824 e un prezzo lettera teorico pari a EUR 0,0834.
Alla scadenza, il valore di rimborso del Benchmark è perfettamente allineato con il valore dell’indice sottostante. Se il NIKKEI225 alla data di scadenza quota a 12.000 punti indice e il tasso di cambio EUR/JPY è ancora pari a 136,13, il portatore riceverà per ogni Benchmark detenuto una somma pari a EUR 0,088.