Unicredit Investimenti

Come Funzionano


Elementi Standard
 
Emittente
Indica l’istituzione finanziaria che emette i MiniFuture e garantisce la liquidazione del valore di rimborso alla scadenza o in caso di esercizio anticipato. L’emittente dei MiniFuture deve rispettare determinati vincoli di solidità patrimoniale e deve assicurare agli strumenti emessi liquidità sul mercato; adempie quest’ultimo obbligo svolgendo o delegando ad un altro soggetto, generalmente appartenente allo stesso gruppo bancario, l’attività di Market Maker. Il Market Maker è una figura che assicura la liquidità sul mercato esponendo in via continuativa prezzi denaro e prezzi lettera per tutti i MiniFuture dell'emittente durante l’orario di negoziazione. Il Market Maker per tutti i MiniFuture emessi da UniCredit è UniCredit Bank AG – Succursale di Milano.
 
Sottostante
Indica l’attività finanziaria collegata a ciascun MiniFuture. Puoi trovare MiniFuture su azioni italiane ed estere, su indici azionari italiani ed internazionali e su qualsiasi altro strumento finanziario per cui sia possibile rilevare dei prezzi ufficiali.
 
Mini Long e Mini Short
Il Mini Long consente di investire sul rialzo del sottostante con effetto leva finanziaria, mentre il Mini Short consente di investire sul ribasso del sottostante con effetto leva finanziaria.
 
Strike
Rappresenta la parte di capitale finanziario che viene messa a disposizione dall’emittente. Infatti al possessore viene chiesta solo una parte del capitale che avrebbe dovuto investire per acquistare direttamente l’attività sottostante. Lo Strike cambia giornalmente in base al costo del finanziamento.
 
Barriera (Stop Loss)
E’ il livello del sottostante che, una volta raggiunto, determina l’estinzione del prodotto. E’ sempre superiore (Mini Long) o inferiore (Mini Short) allo Strike. La barriera viene ricalcolata mensilmente il primo giorno lavorativo di ogni mese.
 
Stile
Si distinguono MiniFuture di tipo americano, che possono essere esercitati durante la vita del prodotto e MiniFuture di tipo Europeo che possono essere esercitati prima della scadenza se hanno una data di scadenza.
 
Multiplo
Rappresenta la quantità di sottostante controllata da ogni MiniFuture.
 
Lotto Minimo
Indica il numero minimo di MiniFuture che possono essere negoziati sul mercato. 

Prezzo di mercato e valore di rimborso
 
Il calcolo del prezzo di mercato per i MiniFuture si basa su una semplice formula:
Formula di calcolo Mini Long = (Valore del Sottostante – Strike) x Multiplo / FX
Formula di calcolo Mini Short = (Strike – Valore del Sottostante) x Multiplo / FX
 
Il prezzo del MiniFuture è influenzato esclusivamente dalle variazioni di prezzo del sottostante e non da altre componenti quali volatilità implicita o altri fattori di mercato.
 
Grafico payoff per Mini Long e Mini Short
 
La leva finanziaria
La leva finanziaria o effetto leva indica quante volte il rendimento potenziale di un MiniFuture è superiore a quello di un investimento diretto nel sottostante.
 
La formula di calcolo della leva finanziaria è la seguente:
Leva Mini Long = Sottostante / (Sottostante – Strike)
 
Durante la vita di un MiniFuture la leva finanziaria cambia continuamente in base alla distanza del sottostante al livello di Strike. Vediamo l'esempio di un Mini Long:
Sottostante in discesa: La leva aumenta in quanto il sottostante si avvicina allo Strike ed il rischio di Barriera è maggiore.
Sottostante in salita: La leva diminuisce in quanto il sottostante si allontana dallo Strike ed il rischio Barriera è minore.

I MiniFuture si estinguono anticipatamente nel caso in cui il sottostante tocchi il livello di Barriera durante la seduta di Borsa.
La perdita massima sarà pari al capitale inizialmente investito. Il rimborso è automatico ed avviene dopo 5 giorni lavorativi. La formula di calcolo per il rimborso in caso di Knock out è la medesima che per il calcolo del prezzo di mercato con la differenza che come valore del sottostante si andrà a prendere il minimo della giornata di knock out per i Mini Long ed il massimo della giornata di Knock Out per i Mini Short.
 
I Dividendi distribuiti dal sottostante
I MiniFuture sono insensibili allo stacco dei dividendi distribuiti dai sottostanti, infatti i dividendi vengono sottratti nel caso dei Mini Long, mentre vengono aggiunti nel caso dei Mini Short.
 
Strategie di copertura
Uno degli usi più frequenti dei MiniFuture (Mini Short) da parte di investitori privati è quello di copertura degli asset di portafoglio. Infatti il lotto minimo contenuto consente di frazionare agevolmente l’ammontare per tagliarlo esattamente sul valore del singolo portafoglio o su più portafogli.
La quotazione in Borsa, così come la semplicità nel calcolo del prezzo, garantisce la trasparenza del prezzo stesso e la liquidità dello strumento.
 
Esempio di copertura
FTSE/MIB: 21.600
Strike Mini Short: 23.600
Barriera: 23.128
Multiplo: 0,0001
Prezzo: (Strike – FTSE/MIB) x Multiplo = 0,2 Euro
 
Ipotizzando che l’indice FTSE/MIB scenda del 5% a 20.520 il valore del Mini Short sarà a
(23.600 – 20.520) x 0,0001 = 0,308 Euro
 
La leva del Mini Short sarà: 21.600 / (23.600 – 21.600) = 10,8
 
Per fini di copertura, per ogni 100.000 Euro in FTSE/MIB, servono 9.259 Euro (100.000/10.8) di investimento in Mini Short con leva 10,8.
 
Esempio
 
Ipotizzando di avere un Mini Long sull’indice FTSE/MIB quando l’indice vale 22.000 punti e le caratteristiche del certificate siano le seguenti:
Strike: 21.000
Barriera: 21.500
Multiplo: 0.0001
 
Prezzo Mini Long: (FTSE/MIB – Strike) x Multiplo = 0,1 Euro
 
Ipotizziamo ora che il FTSE/MIB salga del 2%, a 22.440. Il nuovo valore del mini Long sarà:
 
Nuovo prezzo Mini Long: (22.440 – 21.000) x 0.0001 = 0,144 Euro
 
Il prezzo del Mini Long è salito di circa il 30%
La leva finanziaria del Mini Long è: 22.440 / (22.440 - 21.000) = 15